.
Annunci online

 
ProfessorWoland 
Archivio storico di politica, satira, racconti e diari di un annetto difficile
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Login Lacedonia
eCarta
  cerca

LA MIA RUBRICA DI APPUNTI
DI SCRITTURA CREATIVA:

"A portata di penna"
(ogni 2 giovedi fino a maggio 2013) 

ImagesTime.com - Free Images Hosting

I MIEI ARTICOLI:

* Tecniche di narrazione

* Riscrittura

* Recensione di "Italia Annozero"

 * Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 1)

* Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 2)

*  Daniele Luttazzi: Preparazione H e cinti erniari per principianti

* Daniele Luttazzi: Mentana a Elm Street

CLICCATE QUI
per scaricare la lettera a/r da
mandare alla vostra parrocchia
PER SBATTEZZARVI!

 


 

diario |
 
Diario
1visite.

27 ottobre 2009

Domenica in Tribuna d'Onore

Grazie a un vero e proprio colpo di fortuna, domenica sono andato a vedere Roma - Livorno in Tribuna d'Onore. Era la prima volta che entravo nello spazio dei vip.

Sorvoliamo sulla partita. Anche perché ero più interessato all'aspetto "sociologico" della manifestazione: la partita di calcio assomiglia sempre di più alla Santa Messa. I rituali, le canzoni a memoria, la sciarpata, lo speaker dello stadio che inzia i concetti e il pubblico che risponde in coro, l'idolatrizzazione di certi giocatori. Tutto assomiglia molto ad una funzione religiosa, salvo che è meno ridicola.

Mi sono messo subito a guardarmi attorno. Cercavo vip. In realtà sono tutti vip, se entri nell'ottica che può esserlo chiunque.
Appena è iniziata la partita sono stato assalito da un atroce dubbio: ma se, malauguratamente, dovesse segnare la Roma, come si esulta in Tribuna d'Onore? Si battono educatamente le mani? Non so se sono capace. Più probabilmente mi sarei buttato a volo d'angelo due file avanti a me, in braccio al Marzullo della situazione, gridando "GAO'! GAO'! GAOOOOOO'!!!". Fortunatamente non è successo.

La raffinatezza dei miei compagni di reparto ha iniziato a vacillare al gol del Livorno. E' affiorato qualche malumore espresso in toni non propriamente principeschi. Ma vabbè dai, anche i vip sono esseri umani. E, visto che stavo lì, anche io ero un vip anche io.

L'allegra famigliuola dietro a me ha fatto 20 volte il gioco di parole Pizarro - Bizzarro. Tutte e 20 le volte hanno riso.

Fine primo tempo. Il pubblico dei vip mugugna. Mi guardo intorno per cercare supervip, e li vedo: nella Tribuna d'Onore laterale (quella dove stavo io), ci sono Luciano Ciocchetti e Paolo Cento. Nella Tribuna d'Onore centrale vedo Gasparri e D'Alema. E capisco che, anche nel mondo che conta, ci sono vip di serie A e vip di serie B. Deve essere triste fare il vip di serie B.
Tra i vip di serie A ne ho visti anche altri, tra cui anche Totti, tra cui FORSE anche Marzullo. Non so se fosse veramente Marzullo. Se era lui, forse non aveva dormito per due giorni, né mangiato per una settimana, ed era appena stato investito da un treno merci.

Inizia il secondo tempo, e mi accorgo che tutti (come me) odiano Vucinic.
Passano i minuti, la Roma deve recuperare e va in forcing. Man mano che passano i minuti, i Tribuni d'Onore diventano sempre più coatti.

Quando Vucinic sbaglia un gol clamoroso, i Tribuni gli augurano la morte per soffocamento, a una quantità di decibel che si userebbero per avvertire uno che gli sta cascando addosso un pianoforte. La frase più amichevole che gli viene gridata è "AH ZINGARO!".

Vucinic sbaglia un altro movimento e i Tribuni decidono che lui è il Male. Non solo della Roma, ma di tutti i problemi del mondo. Si alzano in piedi, scendendo i gradini, urlando "AH MALEDETTO! LI MORTACCI TUA!!!". Io sogghigno. Un po' perché sono anni che odio Vucinic. Un po' perché questa perdita di bon ton sembra sceneggiata da Lillo e Greg.

Non vi dico i giochi di parole quando nel Livorno è uscito Pulzetti (pron. Puzzetti).

Ho passato tutto il secondo tempo a parlare col signore accanto a me della prestazione di Vucinc. Ci gratificavamo a vicenda del nostro schifo. OK, siamo in Tribuna d'Onore, ma siamo pur sempre allo stadio Dopo un po' che lo guardo, penso che questo tipo ha un'aria familiare. Potrei averlo visto da qualche parte? O peggio: potrei averlo visto in TV?

Alla fine della partita ero contento. La Roma ha perso ma non me ne poteva fregare di meno. Mi ero divertito. Ho vissuto anche io un pomeriggio da vip, a un passo dal campo, fra D'Alema e Gasparri (tranquilli, mi sono disinfettato).
Uscendo, il solito dispiegamento di forze: polizia e carabinieri schierati come se fossimo tutti pericolosi terroristi.
La differenza fra il mondo della Curva e quello della Tribuna è che in Tribuna si fuma meno e le poltrone sono più comode.

Niente morale profonda oggi, dai. Volevo solo raccontarvi questa cosa


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stadio tribuna roma vucinic

permalink | inviato da Pierpaolo Buzza il 27/10/2009 alle 10:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre