.
Annunci online

 
ProfessorWoland 
Archivio storico di politica, satira, racconti e diari di un annetto difficile
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Login Lacedonia
eCarta
  cerca

LA MIA RUBRICA DI APPUNTI
DI SCRITTURA CREATIVA:

"A portata di penna"
(ogni 2 giovedi fino a maggio 2013) 

ImagesTime.com - Free Images Hosting

I MIEI ARTICOLI:

* Tecniche di narrazione

* Riscrittura

* Recensione di "Italia Annozero"

 * Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 1)

* Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 2)

*  Daniele Luttazzi: Preparazione H e cinti erniari per principianti

* Daniele Luttazzi: Mentana a Elm Street

CLICCATE QUI
per scaricare la lettera a/r da
mandare alla vostra parrocchia
PER SBATTEZZARVI!

 


 

diario |
 
Diario
1visite.

29 ottobre 2009

Troppo comodo, figliuoli

Oggi vi riporto quello che c'è scritto nella "nota illustrativa dottrinale della formula conclusiva della Professio Fidei", Congregazione per la Dottrina della Fede, 29 giugno 1998, al paragrafo 11.
Scrive l'allora cardinale Ratzinger, pur "senza alcuna intenzione di esaustività e completezza", la lista di dottrine da credere affinché una persona possa definirsi cattolica.

I diversi dogmi cristologici e mariani; la dottrina dell'istituzione dei sacramenti da parte di Cristo e la loro efficacia quanto alla grazia; la dottrina della presenza reale e sostanziale di Cristo nell'Eucarestia e la natura sacrificale della celebrazione eucaristica; la fondazione della Chiesa per volontà di Cristo; la dottrina sull'infallibilità e sul primato del Romano Pontefice; la dottrina dell'esistenza del peccato originale; la dottrina sull'immortalità dell'anima spirituale e sulla retribuzione immediata dopo la morte; l'assenza di errore nei testi sacri ispirati; la dottrina circa la grave immoralità dell'uccisione diretta e volontaria di un essere umano innocente.

I diversi dogmi cristologici:
ad esempio la Resurrezione: che però non è un fatto storico. Marco (il primo Vangelo) neanche ne parla, né ne parlano le fonti. Gli evangelisti non potevano immaginare che, secoli dopo, sarebbe diventato dogma di fede.
La stessa letteratura ufficiale è molto vaga a riguardo: il mito della Resurrezione arriva con San Paolo (che per sua stessa ammissione non ha mai conosciuto Gesù), e viene consolidata nei secoli dai vari Concili.
Oppure che Gesù sia parte della Trinità, sia umano che divino. Questo dogma è venuto secoli dopo la morte di Gesù, ben dopo che i Vangeli erano stati scritti. Infatti i Vangeli non ne parlano, se non con brevi accenni che possono essere interpretati in molti modi. Se non credete a una sola di queste cose, non potete dirvi cattolici.

I dogmi mariani:
Ad esempio la verginità prima, durante e dopo il parto: un dogma chiaramente assurdo ("vergine" è un'errata traduzione da "giovane donna"), ed è un dogma che non neanche padre Cantalamessa conosceva!
Oppure l'assunzione in cielo: dogma istituito solo nel 1950!! (senza peraltro specificare se Maria fosse morta o no.)
Oppure l'immacolata concezione, dogma proclamato all'inizio del secolo scorso, in cui si afferma che Maria sia nata senza peccato originale. Se non credete a una sola di queste cose, non potete dirvi cattolici.

La dottrina dell'istituzione dei sacramenti da parte di Cristo:
Battesimo (falso, il battesimo preesisteva Gesù); Cresima, Eucarestia, Penitenza, Matrimonio, Ordine e Unzione degli infermi. Quindi, se sei cattolico, devi credere che un ebreo abbia fondato questi rituali, e che sottoponendoti a questi rituali otterrai la grazia. Se non ci credete, non potete dirvi cattolici.

La presenza di Cristo nell'Eucarestia:
è la transustanziazione. In pratica devi credere che, quando il prete alza l'ostia al cielo per consacrarla, quella diventa veramente carne di Cristo. Non sotto metafora. Diventa fisicamente carne. Non hai la scelta: ci devi credere per forza. Altrimenti non puoi dirti cattolico.

La fondazione della Chiesa per volontà di Cristo:
questo è uno dei più assurdi. Gesù era ebreo, diceva che non era venuto a sostituire, ma a dare compimento. Gesù non voleva fondare una sua religione. Non sta scritto da nessuna parte. Ma, chiaramente, fa comodo al papato fartelo credere: così te lo mette come dogma e, se non ci credi, non puoi definirti cattolico.

La dottrina sull'infallibilità del Romano Pontefice:
come possiamo dire che il Papa è infallibile perché ispirato da Dio? Chi è che nel 2009 potrebbe credere una cosa del genere? E' chiaro che questo dogma è uno strumento politico, che non c'entra niente con la spiritualità.
Quando Papa Ratzinger, in occasione della campagna referendaria sulla fecondazione assistita, disse "astenetevi da ciò che è odioso a Dio", parlava di Dio, quindi parlava ex cathedra. Quindi quello è un dogma. Se non credete a cose come queste, non potete dirvi cattolici.

La dottrina del peccato originale:
Eva che porge la mela ad Adamo, Adamo che la mangia, il genere umano è macchiato indelebilmente. Se non credete a questa favoletta, non potete dirvi cattolici. E occhio, che questo implica la negazione di Darwin e dell'evoluzionismo. Se ci credete, non potete dirvi cattolici.

L'assenza di errore nei testi sacri:
ma i testi sacri sono PIENI di errori! Alcuni clamorosi, altri più mascherati, ma è pieno di incongruenze, cose sbagliate, e soprattutto contraddizioni. Se i due testi si contraddicono (come succede spessissimo), nella migliore delle ipotesi uno ha ragione e l'altro ha torto. Voler inserire per forza l'infallibilità della Bibbia è come inserire l'infallibilità papale: semplicemente FOLLE. Chi non ci crede, non può dirsi cattolico.

La grave immoralità dell'uccisione diretta e volontaria di un essere umano innocente:
tanto per cominciare, il Vaticano ha abolito la pena di morte nel 1969. Secondopoi, perché "innocente"? Nei comandamenti non c'è scritto "non uccidere innocenti". C'è scritto "non uccidere".
Perché, se uno è colpevole lo puoi uccidere?? E poi chi è che decide chi è colpevole e chi no? Se è una Corte dello Stato, stai giustificando la pena di morte. Se è un'autorità religiosa, stai giustificando l'Inquisizione.
Quindi, se siete contrari all'uccisone anche di colpevoli, state già con un piede fuori dal Cattolicesimo.
Oppure: se usate contraccettivi o, peggio di peggio, siete stati partecipi di un aborto, siete fuori dal Cattolicesimo.

Perché scrivo tutto questo: perché mi sono stancato dei cattolici fai-da-te.
Spessissimo sento dire "io sono cattolico a modo mio". Eh no tesoro, troppo comodo così. La Chiesa Cattolica fa politica, ma non è un partito. Nel partito puoi portare le tue istanze, pretendere che ti ascoltino, accettare o modificare la linea del partito. Nella Chiesa no.
C'è un tot di dogmi da accettare A SCATOLA CHIUSA, credendoci ciecamente (sono dottrine, dogmi, non optional), altrimenti già non si è più cattolici. Si è qualcos'altro.
Non puoi modificare i dogmi. Non puoi metterli in discussione. Non puoi sottoporli al vaglio della tua intelligenza. Tantomeno puoi negarli, se vuoi dirti cattolico. Un tempo la Chiesa ti scomunicava (se non ti bruciava direttamente sul rogo), anche solo se esprimevi una perplessità.
La Chiesa è quanto di più rigido e gerarchico esista al mondo: o stai dentro o stai fuori.

Io mi sono sbattezzato, perché ci tengo a starne fuori.
Anche chi non si vuole sbattezzare, però, è moralmente tenuto a sapere che ogni volta che professa l'appartenenza alla Chiesa, potrebbe non essere vero. Io, per esempio, non ho mai incontrato nessuno che credesse a TUTTI i dogmi. Quindi, non ho mai incontrato nessun cattolico vero.
Allora mi domando: perché rimanere nella Chiesa? E mi sbattezzo. E scrivo post come questo.

sfoglia
settembre        novembre