.
Annunci online

 
ProfessorWoland 
Archivio storico di politica, satira, racconti e diari di un annetto difficile
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Login Lacedonia
eCarta
  cerca

LA MIA RUBRICA DI APPUNTI
DI SCRITTURA CREATIVA:

"A portata di penna"
(ogni 2 giovedi fino a maggio 2013) 

ImagesTime.com - Free Images Hosting

I MIEI ARTICOLI:

* Tecniche di narrazione

* Riscrittura

* Recensione di "Italia Annozero"

 * Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 1)

* Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 2)

*  Daniele Luttazzi: Preparazione H e cinti erniari per principianti

* Daniele Luttazzi: Mentana a Elm Street

CLICCATE QUI
per scaricare la lettera a/r da
mandare alla vostra parrocchia
PER SBATTEZZARVI!

 


 

diario |
 
Diario
1visite.

7 gennaio 2010

Manifesti-show: vol. 2

E rieccoci anche con la nostra rubrica di manifesti elettorali improponibili.

Il primo ce lo segnala Regina Filangi. Questo manifesto viene usato nelle scuole elementari per definire il concetto di "inquietante".

Sono i leghisti che ci invitano a chiudere le frontiere. Questo manifesto si caratterizza per una doppia incongruenza.
La prima, l'espressione stessa "rafforzare i confini" non significa niente. Non è che ti chiamano e ti dicono "Ehi, vieni subito a Casalpusterlengo, porta sabbia e filo spinato!".
E poi l'incongruenza più grande è nell'esortazione finale: "Pensaci". Pensaci? A un leghista??
Se quello davvero inizia a pensare, poi smette di votare Lega.

E poi il secondo, segnalato da Apolide. La Nostra ci tiene a specificare che lì da lei non sono in programma elezioni (neanche le regionali? C'è scritto sul manifesto...), ma che anzi il signor Dragotto le abbia appena perse.
Ora, dovete sapere che la Nostra eroina per fare questa foto ha attraversato la città, da sola, sotto la neve, senza macchina, senza scarpe, senza mangiare, con indosso solo una maglietta leggera, battendo i denti per il freddo e la febbre. Roba da libro Cuore. Grazie Apolide!
Ecco a voi il manifesto:

Per quanto riguarda la foto: non so voi, ma quando l'ho vista mi sono avvampato di passione erotica. Guardate l'occhio del seduttore. L'occhio dell' "ehi, pupa, ti ho dato 55 ma puoi tenere il resto".
Per quanto riguarda lo slogan, "Io sto con Silvio", Apolide commenta: "laconico e terrorizzante assai! Ma di cosa ti vanti? Di stare con un puttaniere mafioso? A meno che non stesse parlando del suo nuovo compagno!". Ecco, sì, mi piace pensare così. Che questo da un mese si è fidanzato con tal Silvio Rossi, e ci tiene a farlo sapere a tutti. 

Pensate che bella una città del genere: ognuno dichiara pubblicamente il suo amore. Il manifesto di Carlo con lo slogan: "io sto con Maria". Poi il manifesto di Maria con lo slogan "Io sto con Carlo". Poi il manifesto di Daniele con lo slogan: "sì però con Maria prima ci stavo io". Poi il manifesto di Francesca con lo slogan: "Carlo, ma non stavi con me?". Eccetera eccetera.
Fantastico 'sto Giorgio Dragotto: "Io sto con Silvio."

sfoglia
dicembre        febbraio