.
Annunci online

 
ProfessorWoland 
Archivio storico di politica, satira, racconti e diari di un annetto difficile
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Login Lacedonia
eCarta
  cerca

LA MIA RUBRICA DI APPUNTI
DI SCRITTURA CREATIVA:

"A portata di penna"
(ogni 2 giovedi fino a maggio 2013) 

ImagesTime.com - Free Images Hosting

I MIEI ARTICOLI:

* Tecniche di narrazione

* Riscrittura

* Recensione di "Italia Annozero"

 * Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 1)

* Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 2)

*  Daniele Luttazzi: Preparazione H e cinti erniari per principianti

* Daniele Luttazzi: Mentana a Elm Street

CLICCATE QUI
per scaricare la lettera a/r da
mandare alla vostra parrocchia
PER SBATTEZZARVI!

 


 

diario |
 
Diario
1visite.

26 aprile 2010

Traduttore simultaneo della politica: il discorso di Berlusconi per il 25 aprile

Come probabilmente saprete, in occasione della Liberazione (dal nazifascismo! Perché non lo specifica più nessuno?), il nostro amato PresDelCons si è lanciato in un discorso da vero statista.
Lo trascrivo e lo traduco.

... davvero, come fareste senza di me?

Il 25 aprile celebriamo la festa della libertà quale espressione di un sentimento nazionale unitario.

Ci ho provato l'anno scorso, a ribattezzare la festa della Liberazione in festa della Libertà, mi avete dato tutti addosso, quindi quest'anno lo faccio senza chiedere, tanto non ve ne accorgete.

In questa ricorrenza, come ho auspicato un anno fa a Onna, tutto il popolo italiano e tutte le parti politiche devono riconoscersi nel valore più grande: nella libertà.

Dovete essere tutti d'accordo con me. Dite che lo fate per la libertà, che è una parola perfetta, perché può contenere tutto e il suo contrario, ma fa sempre il suo effetto. E poi è una parola che ho comprato io.

E nel nome della libertà devono confrontarsi in modo democratico per il bene di tutti e nell'interesse di tutti.
Un sentimento doveroso che tutti insieme dobbiamo consolidare e rafforzare.

Fatelo per il MIO bene e per il MIO interesse.

Dopo la vittoria degli Alleati sul nazifascismo, con il contributo militare, politico e morale della Resistenza, i nostri padri costituenti seppero accantonare le differenze politiche più profonde, e sancirono nella Costituzione repubblicana il miglior compromesso allora possibile per tutti.

OK, vi ho anche nominato la Resistenza, mi sono uscite le bolle ma ce l'ho fatta. Contenti? Torniamo alle cose serie: la costituzione fa schifo.

Un compromesso fondato sull'antifascismo, che diede vita a un sistema che ha saputo prosperare e consolidarsi nella democrazia e nella libertà.

Tiè, vi butto lì anche un "antifascismo". Poi non ditemi che non so parlare da statista, cazzo!
Ora però fatemi nominare un altro po' la libertà, che finora l'ho nominata solo tre volte in 40 secondi e ho paura non vi sia entrata ancora in testa. Anzi: libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertà libertàlibertàlibertàlibertàlibertàlibertà!

Dopo 65 anni, la nostra missione è ora di andare oltre quel compromesso. E ricostruire l'Italia del futuro, sempre, sempre, nel rispetto assoluto dei principi di democrazia e di libertà.

La costituzione mi impedisce di farmi i miei porci comodi, quindi dobbiamo cambiarla. E poi è vecchia: ha meno anni di me, ma più di quanti cerco di dimostrarne.
Libertà.

Il nostro obiettivo è quello di rinnovare la seconda parte della Costituzione del 1948, è già stata in parte modificata, per definire l'architettura di uno stato moderno,

Vogliamo rendere ufficiale lo stato piduista,

più vicino al popolo,

populista e demagogico, che governi per acclamazione, in cui l'investitura popolare ti mette al di sopra della legge, 

sulla base del federalismo.

in cui le regioni del nord si arricchiscano sempre più a spese di quelle del sud, che saranno finalmente colonizzate dalla mafia per legge.

Uno stato moderno più efficiente nelle istituzioni e nell'azione di governo,

Uno stato, come dicevo, in cui mi posso fare i miei porci comodi senza chiedere il permesso, che poi devo obbligare la gente e passare da dittatore, e non fa piacere neanche a me,

uno stato più equo nell'amministrazione di una giustizia veramente giusta.

uno stato in cui non mi processano.

Vogliamo farlo insieme a tutte quelle forze politiche che, come fecero i nostri padri costituenti, non rifiutano a priori il dialogo ed hanno a cuore la libertà.

Opposizioni, se ci siete, questa maialata dovete farla con me. Lo sanno tutti che lo faccio anche per voi.
Oh, ma è già un minuto che non nomino la libertà! Libertàlibertàlibertàlibertà. Libertà.

Quelle forze politiche che si preoccupano per l'avvenire delle nuove generazioni, e che lavorano per il benessere di tutti gli italiani. La sfida è ora, è nei fatti, dobbiamo scrivere insieme una nuova condivisa pagina di storia della nostra democrazia e della nostra Italia.

Vabbè, il concetto è chiaro, no? Ora fatemi fare la mia solita chiusa a effetto: avvenire, benessere, tutti gli italiani, condivisa, democrazia, Italia.
Posso dire ancora una volta libertà?

sfoglia
marzo        maggio