.
Annunci online

 
ProfessorWoland 
Archivio storico di politica, satira, racconti e diari di un annetto difficile
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Login Lacedonia
eCarta
  cerca

LA MIA RUBRICA DI APPUNTI
DI SCRITTURA CREATIVA:

"A portata di penna"
(ogni 2 giovedi fino a maggio 2013) 

ImagesTime.com - Free Images Hosting

I MIEI ARTICOLI:

* Tecniche di narrazione

* Riscrittura

* Recensione di "Italia Annozero"

 * Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 1)

* Recensione di "Il viaggio dell'Eroe"
(parte 2)

*  Daniele Luttazzi: Preparazione H e cinti erniari per principianti

* Daniele Luttazzi: Mentana a Elm Street

CLICCATE QUI
per scaricare la lettera a/r da
mandare alla vostra parrocchia
PER SBATTEZZARVI!

 


 

diario |
 
Diario
1visite.

20 maggio 2010

C.C.C.P - CentoCelleComic in Pillole

Ieri mattina la puntata di Piazza la risata è stata qualcosa di imperdibile.

La conduttrice era una ragazza a cui tutti chiedevano autografi e con cui si facevano foto, e io non capivo perché. Sono venuto poi a scoprire che si trattava nientemeno che di Serena Garitta, vincitrice del GF4.
Pensate: ha fatto il Grande Fratello, vincendolo; poi Lucignolo; poi l'inviata per "la vita in diretta", poi l'opinionista (così la sua bio), poi un calendario sexy, e io ero riuscito, fino a ieri, a non averla mai vista.

Il comico che stava in ogni manche di barzellettieri era Marco Milano, che qualcuno di voi ricorderà per Mandi Mandi, che in ogni competizione di barzellette fungeva da arbitro interpretando un personaggio demenziale: prima un cuoco, poi un professore, poi un giapponese, poi ET.

Nelle tre manche eliminatorie si mischiavano barzellettieri andati lì per girare la puntata (fra cui me) e barzellettieri reclutati sul posto: mirabile l'esempio di Claudio, di professione gladiatore romano (giravamo dalle parti del Colosseo), che prima di raccontare la sua barzelletta ci ha spiegato che per fare il gladiatore romano al Colosseo occorre avere la licenza del Comune, e se non ce l'hai sei abusivo; e che fare una foto col gladiatore costa 5 euro.
Ero arrivato al Colosseo con un po' d'anticipo, e facendo due passi mi sono reso conto di quante sono le persone che davvero fanno le foto coi gladiatori. Molti americani, pochi giapponesi. In compenso, nelle foto di duemila giapponesi ci sarò capitato io.

Tra i barzellettieri reclutati sul posto, hanno anche caricato un ragazzino, che stava con la sua compagnia di ragazzini (ma il mercoledi mattina i ragazzini non dovrebbero andare a scuola?), che a un certo punto ha iniziato a tirarsela: "sapete, io ho fatto televisione!"
Serena gli ha chiesto "ah sì, e dove?"
lui: "allo Zecchino d'Oro! Cantavo una canzone che si chiamava la Nina, la Pinta e la Santa Maria".
Serena gliene ha fatta cantare un pezzo, e il ragazzino ha perso per un attimo la baldanza che aveva prima con i suoi amici.

Bene, stamattina la prima cosa che ho fatto è stata cercare su youtube: è tutto vero! Ecco il video della canzone. Il ragazzino in questione è quello che sta al centro.
Pensate, ieri sono stato letteralmente circondato da vip e non lo sapevo.

Fatto sta che ho vinto la puntata: ma è stata un po' una lotta impari, perché gli altri barzellettieri (nella prima manche, due professoresse di liceo reclutate sul posto; in finale due ragazze simpatiche e preparate che però dicevano "speriamo di non vincere") portavano barzellette "classiche", mentre io ho portato le mie battute di satira, provate e riprovate a teatro.
La differenza tra una barzelletta e una battuta è che la barzelletta è più immediata, ma meno forte; la battuta (soprattutto se basata sull'attualità) ti costringe a pensare un secondo prima di ridere, ma se entra, entra meglio.

Quindi mi hanno dato il premio, una miniatura del Colosseo (su cui Serena mi ha avvertito "visto il tipo di battute che dici, non lo tirare addosso a nessuno"), a telecamere spente se lo sono ripreso, e ci siamo salutati.
Il tutto andrà in onda su Sky, Comedy Central, a partire dal 7 giugno, ma non so in quali giorni e quali orari.

Martedì, invece, sarò di scena alla libreria "Il Mattone", via Bresadola 12/14 (zona Centocelle), alle 21 con ingresso libero, con una kermesse che sostanzialmente è il Gaiba Show (c'è Stefano Vigilante, il Maestro Venditti, Carlo Viani, Federica Quaglieri, Anthony Trahair, io insomma tutto il Gaiba), e che si chiama C.C.C.P., che sta per "CentoCelleComic in Pillole". Farò un monologo di satira più forse, riuscirò a mettere in pratica un paio di idee.
Vi aspetto!

sfoglia
aprile        giugno